ARKEDA: la qualità del progetto.

08:00 Unknown 0 Comments



È giunta alla terza edizione ARKEDA che rappresenta un appuntamento imprescindibile per professionisti, architetti, ingegneri, progettisti e designers che, sempre più numerosi, partecipano alla Mostra – Convegno dell’Architettura, dell’Edilizia, del Design & Arredo di alto profilo formativo ed informativo.
Quest’anno la Kermesse Napoletana, che riunisce due Università, associazioni di professionisti di Napoli e provincia, Benevento, Roma, Bari, l’ADI, e che vedrà, al fianco di spazi espositivi dedicati alle ultime tendenze design italiano ed internazionale, la conclusione di un Seminario Internazionale di Studi del Dipartimento di Architettura della Federico II di Napoli, avrà come titolo la Qualità del Progetto.
 “Quel salto in avanti attraverso le fiamme per farsi casa che dalla preistoria attraverserà l’esistenza degli uomini” così Daniel Libeskind nel suo ultimo libro, La Linea del Fuoco, racconta il momento topico dell’umanità di andare oltre la soglia della natura grazie al PROGETTO
L’idea progettuale fa compiere il passo in avanti alla ricerca umana ed è il momento più alto del far ARCHITETTURA e DESIGN. L’esplicarsi del progetto è più caratterizzante delle realizzazioni stesse dell’architettura. L’idea progettuale distingue l’Architettura dall’edilizia, il design d’interni dall’arredo commerciale. La Qualità del progetto deve essere il fine ultimo del progettista e del designer contemporaneo. È proprio la ricerca progettuale articolata nelle varie discipline, architettura, design, edilizia, arredo, che dà impulso commerciale alle aziende che seguono questa strada e fa da traino ad un mercato pronto a percorrere queste strade tracciate.
Intorno a questo tema centrale ad ARKEDA 2015, il 27-28-29 Novembre presso i padiglioni 5 e 6 della Mostra d’Oltremare di Napoli, si svilupperanno i corsi di formazione per i professionisti nei quali tracceremo i percorsi, porteremo esempi di qualità progettuale, di ricerca su tecnologia e materiali, partendo dall’habitat fino al più piccolo oggetto di design personale. 










Altri articoli che potrebbero interessarti

0 commenti: