Il Design Scandinavo | Harri Koskinen

11:30 Unknown 0 Comments

Quando ancora giovane studente nel 1996 progetta durante un Workshop la Block Lamp per la Design House di Stoccolma, Harri Koskinen stava facendo il suo ingresso prepotente nel mondo del design mondiale con un oggetto capace di sposare l’idea minimalista del design nordico con la cultura contemporanea.
 Una forma semplice, il ricordo di un blocco di giacchio che abbraccia al suo interno una lampadina come un contenitore trasparente che ne diffonde la luce creando effetti luminosi sempre differenti dovuti alla produzione quasi artigianale del pezzo.
Nato a Karstula, Finlandia, nel 1970, Harri Koskinen ha studiato all’istituto di Arte e Design di Helsinki e sin da subito si è messo in luce grazie ad eccellenti collaborazioni con le migliori aziende di design Finlandesi con idee nuove e coraggiose. Il Design di Koskinen rispecchia le tradizioni scandinave ed è caratterizzato da un forte pragmatismo e da un estetica pulita e rigorosa; il suo obiettivo è la ricerca costante di soluzioni innovative per il consumatore ed il produttore.
Nel 2003 disegna per  l’azienda Italiana Montina , MUU una sedia con struttura in legno massello di rovere con scocca in multistrato di legno di rovere  con una linea pulita e semplice che esprime la massima semplificazione della sedia di legno curvato con la struttura a slitta tipica della tradizione dei paesi nordici, che gli permette di vincere l’ambito premio di design il Compasso d’Oro nel 2004. Koskinen è il primo finlandese a vincere il premio ideato da Gio Ponti dal 1957 quando Kaj Franck lo ha ricevuto come riconoscimento alla carriera.


Come in tutto il lavoro di Harri Koskinen anche questo progetto mette in luce il bagaglio culturale lasciato in eredità da Alvar Aalto e dalla tradizione architettonica scandinava. Il design continuo della struttura in legno massello, ammorbidita dalle curvature alla base delle gambe che si raccordano fino allo schienale che di spalle ricorda un tipico modello di anta a cornice, come a voler inquadrare oltre che sorreggere una leggerissima e sottilissima scocca, anch’essa in rovere, di multistrato dalle linee sinuose ed organiche che fornisce una continuità di disegno e visiva e rende la seduta equilibrata e ben calibrata nelle proporzioni.

Altri articoli che potrebbero interessarti

0 commenti: