Viaggio in Messico con la designer Ana Jimenez Palomar

11:19 cinzia candela 0 Comments

#Funchitecture
Gli animisti riconoscono la presenza di un’anima o di un principio vitale nella realtà materiale, inclusi oggetti o elementi naturali. Noi occidentali abbiamo una visione di questa religione, come se fosse di serie B, soprattutto dopo il saggio di Sigmund Freud "Totem e Tabù", che la relegava in una forma di primitivo di sviluppo sociale. Ma Carl Gustav Jung, in seguito, affermò che l'animismo era la proiezione dell'inconscio dell'uomo nella natura.
In Messico l'animismo è la base della cultura conscia ed inconscia, e si fonde col cattolicesimo, con l'arte, la musica, col cibo, insomma è parte viva della vita delle persone. Questo paese incredibile, dove nelle chiese cattoliche si compiono riti maya di purificazione con il posch, una bevanda sacra ed alcolica, fa parte del background culturale di questa giovanissima e talentuosa designer: Ana Jimenez Palomar.



Originaria di Guadalajara, Messico, si laurea nel 2014 presso il Central Saint Martins UAL e da sempre cerca di fondere la tradizione messicana con la realtà contemporanea. Il suo lavoro ha ottenuto subito un notevole successo, infatti ha partecipato a numerosi contest internazionale ed esposto in numerosi musei. Oggi ha aperto il  studio ed un collettivo chiamato "Cast of creative" a Londra.
Come Carlos Castaneda, ma in maniera molto più modesta e senza Peyote, cominciamo questo viaggio in Messico dal punto di vista di questa giovane e talentuosa designer.

Los Enmascarados, 2014

La maschera è uno degli oggetti fondamentali per la cultura messicana, in quanto è strettamente legata alle danze ed ai riti tradizionali e quindi alla musica, il teatro, il movimento e, soprattutto, il travestimento e la possessione. I rituali e le tradizione indigene sono ancora praticate in forma ispanizzata o cattolicizzata, mentre in forma pura solo in alcune aree del paese. Esempio lampante dei riti mesoamericani, è il "Día de Muertos" (giorno dei morti), che tutti ormai conosciamo grazie alle sue caricature della morte, teschi di zucchero colorati e processioni.



Gli elementi della maschera analizzati e rivisitati sono il concept di questa serie composta da cinque arredi. Mobili "mascherati" che diventano una caricatura di se stessi impegnati in una danza rituale. La serie ha vinto nel 2015 il "A' Design Award and Competition", il più grande concorso mondiale di design del prodotto e dei servizi.

"The double face"


Simbolo dell'umana e primordiale lotta fra il bene ed il male, fra il lato luce ed il lato ombra in ognuno di noi. Pertanto troviamo un lato accettabile ed ordinario, con i piedi per terra ed i cassetti al posto giusto. Ed un lato ombra capovolto con i piedi per aria ed i cassetti a testa in giù.

"The drunk lady"


Questa fanciulla ha bevuto troppo e non riesce a stare in piedi diritta, dovrebbe trasmettere un senso di stabilità con quattro piedini ben saldi per terra, ed invece, oscilla da un lato all'altro con l'incosciente baldanza degli ubriachi.

"The devil"


l diavolo qui è un burlone dispettoso che agita le mani in aria per spaventare chi gli capita a tiro. Escogita trucchi ed inganni per poi incolpare la maschera e gridare: "il diavolo mi ha spinto a farlo". Non siamo forse, noi umani, avvezzi a questo gioco di espiazioni e colpe da scaricare sui diavoli di turno? Chissà che ad averlo in casa, in questa forma così insolita, ci faccia da specchio per portare alla luce i nostri demoni?

"The buffoon"


Il buffone balla, si diverte e vorrebbe che tutti fossero allegri, che "un giorno senza sorriso è un giorno perso".

"The old man"


Il vecchio ha lasciato alle spalle gli anni migliori , ma è saggio e non lascia che la vecchiaia lo renda triste e rassegnato,  è uno spirito energico. Le spalle pendono verso il basso e la schiena è un po' fiaccata, ma i suoi movimenti sono agili come quelli di un giovane.

"Gota de Jamaica", 2008



Questa lampada in vetro soffiato ispirato ad un hibiscus intrappolato in una goccia d'acqua. Rappresenta l' "Agua de jamaica", una acqua aromatizzata all'hibiscus che in Messico è bevanda nazionale.

 "Totemism", 2016

Ispirato dalla frenetica e cara vita londinese, fatta di metropolitana, folle oceaniche di gente all'ora di punta e  piccoli spazi in cui abitare, "Totemism" è un arredo modulare, adattabile e accessibile. Un totem è qualsiasi animale, vegetale o altro oggetto, naturale o soprannaturale, sociale. In questo caso, "totemism" è un totem per il moderno londinese. Ogni modulo è progettato per poter comporre il proprio city-totem.
Abbiamo imparato che gli oggetti possono contenere un anima, persino quella di un popolo e che ,in questo mondo tutti dobbiamo danzare con le nostre maschere,incontrare e cercare di imparare da diavoli, buffoni e vecchi saggi e comporre i nostri totem metropolitani.

Cinzia Candela

Per i più curiosi alcuni link:


La ricetta dell' agua de jamaica :




Per chi volesse approfondire l'animismo e psicologia :

Altri articoli che potrebbero interessarti

0 commenti: